News corsa solidale

Il bilancio della raccolta fondi: Piccoli Punti vince il premio Rete del Dono, Alessio Palumbo il primo fundraiser. Il presidente di Assindustria Sport Leopoldo Destro: «Un risultato che ci rende orgogliosi, perché raggiunto in un anno oltremodo difficile»


Una Padova Marathon dal cuore d’oro. Ancora una volta. Anzi, per essere precisi il cuore d’oro è quello di tutti coloro che hanno partecipato alla raccolta fondi iniziata quasi un anno fa e che si è conclusa con le Stracittadine Virtual Edition dello scorso 20 settembre, impegnandosi in uno dei progetti solidali a essa abbinati. A poco più di un mese di distanza è possibile stilare infatti un bilancio. E così emerge che sono stati raccolti e destinati a una buona causa 52.245 euro, somma a cui aggiungere i 5.000 euro donati a inizio ottobre al Centro Servizio Volontariato di Padova.

In un ideale podio, l’associazione che ha raccolto di più è stata Piccoli Punti Onlus (progetto: Corri per la cura del melanoma) con oltre 18 mila euro e 212 donazioni online, “performance” con cui vince anche il premio assegnato da Rete del dono - che coordinava il Charity Program - pari a 1.500 euro. Sul secondo gradino del podio la Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata Vimm (Diamo nuova vita ai nostri muscoli!) con più di 7.500 euro, frutto di 64 donazioni online. Sul terzo la Fondazione Salus Pueri (progetto: In corsa con la Pediatria di Padova) con 5.520 euro e 98 donazioni online.

Una menzione speciale è doverosa anche per i tre “top personal fundraiser”, che sono Alessio Palumbo (Piccoli Punti, 12.595 euro), Alessandra Brotto (Soroptismist, 2.826 euro) e Paolo Pascolat (Piccoli Punti, 1.656 euro).

«Sono nomi e progetti che citiamo con orgoglio. Tanto più quest’anno, funestato da una pandemia con cui, purtroppo, non abbiamo ancora finito di fare i conti. Ma proprio aver ottenuto risultati del genere in una situazione così complicata dimostra quanto il principio del fundraising sia efficace. La Padova Marathon, d’altra parte, ha creduto sin dalla nascita nei progetti solidali» afferma Leopoldo Destro, presidente di Assindustria Sport, società che organizza l’evento. «Oggi, alla luce di questo risultato, sono ancora più convinto che sia possibile crescere e migliorare. Per adesso, però, non possiamo che tributare il nostro grazie più sentito a tutti coloro che hanno partecipato, impegnandosi concretamente». Perché, come ha scritto il top fundraiser Alessio Palumbo invitando a donare: «Ci hanno insegnato che non è importante quello che dici, è importante quello che fai». E la cifra raccolta dimostra che è stato fatto tanto.


Il bilancio della raccolta fondi organizzata in occasione dell’evento dello scorso 22 aprile: più che raddoppiati i 30 mila euro del 2017. Il presidente di Assindustria Sport Leopoldo Destro: «Un grandissimo risultato. E nella prossima edizione, fissata per il 28 aprile 2019, il percorso che abbiamo avviato potrà offrire frutti ancora più rilevanti»


La corsa solidale della Padova Marathon non si è fermata lo scorso 22 aprile. Molti dei progetti lanciati dalle associazioni rimarranno ancora aperti per qualche settimana, continuando a raccogliere fondi, ma già ora è possibile stilare un primo bilancio, più che lusinghiero: 48.776 euro sono stati ottenuti attraverso il Charity Program organizzato con il supporto di Rete del Dono, ma si arriva a circa 78 mila euro considerando la vendita diretta di più di 3.000 pettorali di Stracittadine (3.008, per la precisione) e prove agonistiche (120), comprati da chi ha voluto partecipare all’evento con la maglia di una delle 23 onlus coinvolte.

Le associazioni che hanno aderito al progetto hanno ricevuto in totale ben 656 offerte online sul portale di Rete del Dono. In un ideale podio, quelle che hanno raccolto di più sono state Piccoli Punti con 15.489 euro (progetto “Ferma il melanoma 2.0”), Fondazione Biomedica Avanzata Vimm con 6.199 euro (“Sfida con noi il diabete!”) e NF Italia, formata da Linfa Onlus e Ananas Onlus, con 5.299 euro (“Diamo la parola ai bambini”).

«Quando abbiamo lanciato la raccolta fondi prima di questa edizione, l’auspicio era raddoppiare i 30 mila euro raccolti nel 2017. A molti sembrava sin troppo ambizioso, invece non solo abbiamo raddoppiato il totale, ma siamo andati molto più in là. Questo risultato dimostra ancora una volta quanto il principio del fundraising sia efficace», afferma Leopoldo Destro, presidente di Assindustria Sport, società che organizza l’evento. «La Padova Marathon, d’altra parte, ha creduto sin dalla nascita nei progetti solidali. Lo ha fatto perché per noi la maratona non è “soltanto” un grande appuntamento sportivo, ma un punto di riferimento per la città e la provincia, nonché una prestigiosa vetrina per le migliori eccellenze del territorio. E l’esempio più fulgido a riguardo è proprio quello delle charities. Oggi sono convinto che sia ancora possibile crescere e migliorare: sono sicuro che nella prossima edizione, fissata per il 28 aprile 2019, il percorso che abbiamo avviato potrà offrire frutti ancora più rilevanti».

A correre nelle prove agonistiche e nelle Stracittadine tantissime persone comuni, ma anche figure molto conosciute che si sono spese in prima persona come testimonial, dall’ex rugbista Mauro Bergamasco al pugile Devis Boschiero, dalla campionessa di karate Sara Cardin alla cantante Aba, passando per Lisa Festa e dall’ex mezzofondista azzurra Nadia Dandolo. Prezioso anche il coinvolgimento di aziende importanti come ABB, a sostegno del Gruppo Polis, Sit, a favore dell’Associazione Luca Ometto, e KPMG, a testimonianza di come anche il mondo dell’impresa si sia dimostrato sensibile al tema, partecipando a queste iniziative o con donazioni dirette a progetti specifici oppure “regalando” la partecipazione ai propri dipendenti e abbinando a questo gesto anche delle donazioni.


Nella foto (di Massimo Bertolini) Anna Archetti di Rete del Dono (prima da sinistra) mentre premia Piccoli Punti, Fondazione Biomedica Avanzata Vimm e NF Italia, le tre onlus che hanno raccolto di più prima della maratona: tutte e tre si sono confermate sul podio anche dopo il 22 aprile