IL GRANDE CUORE DELLA PADOVA MARATHON: AL VIA LA CORSA DELLA SOLIDARIETÀ

Ecco il Charity Program dell’evento in cartellone domenica 23 aprile 2023: 19 le onlus coinvolte, il “Premio Rete del Dono” torna con una nuova formula. Il Vicepresidente della Provincia Vincenzo Gottardo: «Vogliamo battere il record della solidarietà». Il Presidente di Assindustria Sport Roberto Gasparetto: «Puntiamo a tornare ai livelli del 2019». L’Assessore allo Sport del Comune Diego Bonavina: «Volontariato e sport, un legame indissolubile».

Il grande cuore della Padova Marathon. Anzi, per essere precisi, il grande cuore è quello di tutti coloro che parteciperanno all’edizione in programma domenica 23 aprile, coinvolti dalle 19 associazioni del Charity Program 2023. La corsa solidale della Padova Marathon è già scattata, con la presentazione ufficiale del progetto, nella splendida Sala Consiglio di Palazzo S. Stefano, sede della Provincia di Padova. Il tutto per dare la possibilità ai podisti di partecipare numerosi a una delle prove (la gara principale che partirà all’altezza dello Stadio Euganeo, la Mezza maratona al via da Abano Terme e le Stracittadine in Prato della Valle) associando alla propria sfida sportiva una sfida solidale, correndo e raccogliendo fondi a favore di una buona causa.

Per i podisti partecipare al progetto è semplice. Il modello si basa sul personal fundraising: ogni organizzazione s’impegna a raccogliere fondi tramite il coinvolgimento di maratoneti, che a loro volta diventano ambasciatori di una buona causa e si attivano attraverso una rete personale di amici e parenti. Al momento dell’iscrizione basterà scegliere per quale non profit correre, diventando così suo “ambasciatore” e avviando una raccolta online sul portale web di Rete del Dono, a sostegno del progetto solidale promosso.

E, per incentivare le donazioni, è prevista anche l’istituzione del “Premio Rete del Dono”, che torna con una formula leggermente diversa rispetto alle scorse edizioni, gratificando le tre non profit più virtuose avranno superato i 15 mila euro di donazioni. In particolare, con un premio da 1.000 euro per l’associazione top fundraiser; un premio da 1.000 euro per l’associazione che coinvolga almeno 10 personal fundraiser, con raccolta fondi individuale di almeno 500 euro; un premio da 1.000 euro per l’associazione con raccolta fondi aziendale più alta, pari a un minimo 5 mila euro. Diverse fra le onlus presenti a Palazzo S. Stefano hanno già individuato un progetto specifico da abbinare all’evento, quelle che ancora non l’hanno fatto lo indicheranno nelle prossime settimane scegliendo uno o più testimonial che le rappresenteranno ufficialmente. La squadra “da battere” è quella della Fondazione Biomedica Avanzata Vimm, che nel 2022 aveva presentato il progetto “#RUN4RESEARCH corri con il VIMM”, per trovare terapie sempre più efficaci per combattere la perdita di massa muscolare), il miglior fundraiser si era invece rivelato Roberto Casalez per Piano C (“Allaccia... le scarpe, si parte!”, per un progetto di terapia ricreativa rivolto a bambini che affrontano un tumore, attraverso un viaggio verso il campo di Barretstown, in Irlanda). E nel 2023 chi vincerà?

«La maratona è l’appuntamento che Padova attende per battere il record della solidarietà», afferma il Vicepresidente vicario della Provincia di Padova Vincenzo Gottardo. «Lo dicono i numeri e le tante iniziative che, di edizione in edizione, hanno letteralmente fatto a gara per raccogliere fondi a favore di progetti solidali, associazioni e persone della nostra comunità. Sport, accoglienza, natura, cultura, volontariato hanno reso il territorio padovano un luogo di eccellenza che riaccende i riflettori sulla Padova Marathon, l’evento che tutti attendiamo per ritrovarci e ritrovare la gioia di stare insieme».

«Tutti noi abbiamo ancora negli occhi le emozionanti immagini dello scorso 24 aprile, quando la città del Santo e tutto il magnifico territorio che le fa da sfondo hanno risposto all’appello di Assindustria Sport, nell’edizione del ritorno alle classiche distanze della Padova Marathon», sottolinea il Presidente della società gialloblù Roberto Gasparetto. «L’obiettivo, per la prossima edizione, è quello di consolidare ulteriormente un evento che sempre più vuole essere una festa, in grado di coniugare l’ampia partecipazione popolare all’alto livello tecnico, tornando ai livelli precedenti alla pandemia. E a rendere la festa speciale contribuirà, ne sono sicuro, la voglia di fare del bene di chi correrà. Ma c’è un motivo in più per partecipare: la Padova Marathon è infatti inserita fra le iniziative di maggior rilievo di “Padova Città Europea dello Sport 2023”. La città del Santo è stata premiata per “l’ottimo esempio di sport per tutti come strumento di benessere, integrazione, educazione e rispetto”. Valori che incarnano perfettamente lo spirito della nostra attività. Valori sposati anche dalle onlus coinvolte, che avranno a disposizione una vetrina indubbiamente prestigiosa per promuovere i propri progetti».

«Il 2023 è l’anno di Padova Città Europea dello Sport», aggiunge Diego Bonavina, Assessore allo Sport del Comune di Padova. «Un’opportunità per tutto il mondo sportivo cittadino che la Padova Marathon ha saputo cogliere prontamente. Esiste in qualche modo un legame tra questo riconoscimento e quello di Capitale Europea del Volontariato e oggi possiamo vedere perché. L’impegno dei volontari è fondamentale per la riuscita di un evento complesso come la Padova Marathon, che a sua volta da sempre ha un occhio di riguardo per il volontariato cittadino, che nel programma charity trova una straordinaria opportunità di crescita».

Il progetto, come detto, si appoggia a Rete del Dono, piattaforma per la raccolta di donazioni online a favore di progetti d’utilità sociale, rappresentata a Padova da Francesca Gervasoni, Head of CSR and Charity Programs.

LE NON PROFIT DEL CHARITY PROGRAM 2023:

Amici di Adamitullo

Asem Italia

Associazione Per Mio Figlio (new entry!)

Associazione Pulcino (new entry!)

Br.A.Ve (new entry!)

Casa Priscilla

Centro Veneto Progetti Donna

Città Della Speranza

Cuamm Medici con l’Africa

Dottor Clown (new entry!)

Fondazione Ometto

Fondazione Biomedica Avanzata VIMM

Geca

Gruppo Polis

La Miglior Vita Possibile (new entry!)

Linfa Onlus

Piccoli Punti

Ryla Onlus

Zia Francesca


Nelle foto (di Vincenzo Cancro) i partecipanti alla conferenza stampa di Palazzo S. Stefano

Immagini

Bonavina

Gasparetto

Gottardo

tavolo relatori

sala consiglio