UNA MARATONA PARALIMPICA A MISURA DI RECORD. LO DICE L’IPC

La gara di domenica 27 aprile è stata inserita nel calendario dell'International Paralympic Committee: i tempi ottenuti a Padova varranno per il ranking internazionale. Vilnai (Cip): «Contiamo in una grande partecipazione. E a Sochi tifiamo per Porcellato, Masiello e Ruepp». Per informazioni e adesioni, intanto, appuntamento a Treviso


La Maratona S.Antonio è stata inserita nel calendario Ipc 2014. Il riconoscimento ufficiale da parte dell’International Paralympic Committee arriva a pochi giorni dai Giochi di Sochi, in cartellone dal 7 al 16 marzo, e premia l’evento padovano, quest’anno in cartellone domenica 27 aprile e da sempre tra i più importanti al mondo per quanto riguarda il numero degli specialisti coinvolti. Sono solo quattro le maratone in Italia che permettono di conseguire tempi validi per entrare nel ranking internazionale: oltre a quella di Padova ci sono le corse su strada di Roma, Milano e Venezia.

«E’ bello che questa notizia arrivi a pochi giorni dall’inizio dei Giochi Paralimpici di Sochi, dove il Veneto sarà rappresentato nello sci nordico da una campionessa di assoluto livello come Francesca Porcellato, più volte protagonista proprio a Padova, dove ha realizzato anche un primato mondiale» commenta Ruggero Vilnai, presidente regionale del Cip, il Comitato Italiano Paralimpico, pronto a partire per la città russa. Francesca, che in carriera ha vinto 10 medaglie ai Giochi Paralimpici estivi e una a Vancouver 2010, nello sprint dello sci di fondo, non è peraltro l’unica atleta ad aver fatto il “salto” verso gli sport invernali. Con lei a Sochi ci saranno anche due vecchie conoscenze della Maratona S.Antonio, il lucano Enzo Masiello (una medaglia paralimpica “estiva” e due “invernali”) e l’altoatesino Roland Ruepp, che ha recuperato in tempi da fuoriclasse dopo la frattura al bacino rimediata scivolando sul ghiaccio lo scorso novembre.

«Come Cip, ci impegneremo al massimo per promuovere l’evento assieme alla Fispes, la Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, anche se in realtà questa è una gara che si “vende” da sola: è veloce e organizzata bene, ingredienti fondamentali per richiamare gli specialisti delle categorie paralimpiche» prosegue Vilnai. «Oltretutto, lungo le strade, si trova un calore che in altre manifestazioni non c’è, con la gente che incita i partecipanti dall’inizio alla fine».

Il nuovo percorso da Campodarsego a Padova, lo ricordiamo, ha ottenuto la certificazione internazionale di Aims (Association of International Marathons and Distance Races) e Iaaf nel 2011, per un evento che nella sua storia ha visto siglare in Prato della Valle ben cinque record mondiali, tra cui quello firmato dalla già citata Francesca Porcellato nel 2005 (paraplegici T53 - un’ora 38’29”).

Nell’attesa di domenica 27 aprile, intanto, si potranno ricevere informazioni sull’evento padovano anche a Treviso, all’Expo Run della Treviso Marathon in piazza Borsa. Lo staff della Maratona S.Antonio sarà presente sabato dalle 10 alle 19. Chi si iscriverà alla prova principale o alla mezza maratona nel capoluogo della Marca riceverà un omaggio sportivo.


Nella foto (Photosprint) Francesca Porcellato alla Maratona S.Antonio 2012