LA CORSA SOLIDALE DELLA PADOVA MARATHON: PIÙ DI 52 MILA EURO IN BENEFICENZA

Il bilancio della raccolta fondi: Piccoli Punti vince il premio Rete del Dono, Alessio Palumbo il primo fundraiser. Il presidente di Assindustria Sport Leopoldo Destro: «Un risultato che ci rende orgogliosi, perché raggiunto in un anno oltremodo difficile»


Una Padova Marathon dal cuore d’oro. Ancora una volta. Anzi, per essere precisi il cuore d’oro è quello di tutti coloro che hanno partecipato alla raccolta fondi iniziata quasi un anno fa e che si è conclusa con le Stracittadine Virtual Edition dello scorso 20 settembre, impegnandosi in uno dei progetti solidali a essa abbinati. A poco più di un mese di distanza è possibile stilare infatti un bilancio. E così emerge che sono stati raccolti e destinati a una buona causa 52.245 euro, somma a cui aggiungere i 5.000 euro donati a inizio ottobre al Centro Servizio Volontariato di Padova.

In un ideale podio, l’associazione che ha raccolto di più è stata Piccoli Punti Onlus (progetto: Corri per la cura del melanoma) con oltre 18 mila euro e 212 donazioni online, “performance” con cui vince anche il premio assegnato da Rete del dono - che coordinava il Charity Program - pari a 1.500 euro. Sul secondo gradino del podio la Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata Vimm (Diamo nuova vita ai nostri muscoli!) con più di 7.500 euro, frutto di 64 donazioni online. Sul terzo la Fondazione Salus Pueri (progetto: In corsa con la Pediatria di Padova) con 5.520 euro e 98 donazioni online.

Una menzione speciale è doverosa anche per i tre “top personal fundraiser”, che sono Alessio Palumbo (Piccoli Punti, 12.595 euro), Alessandra Brotto (Soroptismist, 2.826 euro) e Paolo Pascolat (Piccoli Punti, 1.656 euro).

«Sono nomi e progetti che citiamo con orgoglio. Tanto più quest’anno, funestato da una pandemia con cui, purtroppo, non abbiamo ancora finito di fare i conti. Ma proprio aver ottenuto risultati del genere in una situazione così complicata dimostra quanto il principio del fundraising sia efficace. La Padova Marathon, d’altra parte, ha creduto sin dalla nascita nei progetti solidali» afferma Leopoldo Destro, presidente di Assindustria Sport, società che organizza l’evento. «Oggi, alla luce di questo risultato, sono ancora più convinto che sia possibile crescere e migliorare. Per adesso, però, non possiamo che tributare il nostro grazie più sentito a tutti coloro che hanno partecipato, impegnandosi concretamente». Perché, come ha scritto il top fundraiser Alessio Palumbo invitando a donare: «Ci hanno insegnato che non è importante quello che dici, è importante quello che fai». E la cifra raccolta dimostra che è stato fatto tanto.