News October 2011

Ricomincia dalla Venicemarathon il tour promozionale dell’evento padovano di domenica 22 aprile 2012. Confermate la partenza da Campodarsego per la prova principale e da Camposampiero per la mezza. Iscrizioni agevolate per le donne e i gruppi sportivi

La Maratona S.Antonio si rimette in… corsa. Con la partecipazione all’Exposport della Venicemarathon, fiera dello sport e del tempo libero che apre il week end dell’evento lagunare, riparte il tour promozionale della Maratona S.Antonio.

Dopo il successo della scorsa edizione, anche nel 2012 la partenza delle corsa su strada padovana sarà posta a Campodarsego, per un tracciato che subito si è dimostrato velocissimo, tanto da far registrare il nuovo record della manifestazione e da permettere a molti dei partecipanti di abbassare il proprio primato personale. Confermatissima anche la partenza da Camposampiero della mezza maratona, sempre capace di intercettare largo consenso e riproposta per il quarto anno consecutivo. E torna anche la data: la 13^ edizione della Maratona S.Antonio si svolgerà infatti il 22 aprile 2012, nella quarta domenica del mese (mentre nel 2011 la concomitanza con le feste pasquali aveva portato all’anticipo di una settimana).

All’Exposport veneziano ci si potrà iscrivere, ricevendo in omaggio un simpatico gadget. L’appuntamento è al Parco San Giuliano di Mestre, dalle 15 alle 20 di giovedì, e poi venerdì dalle 10 alle 20 e sabato dalle 9 alle 20. Tutti gli appassionati avranno davanti una vera e propria cittadella sportiva nella quale sarà possibile incontrare le aziende più rinomate e le organizzazioni del settore, testare le ultime novità del mercato, incontrare i top runner, partecipare ad attività interattive… e iscriversi alla Maratona S.Antonio!

Numerose, come sempre, le agevolazioni per chi sceglierà l’evento padovano, con promozioni, in particolare, per le donne e per le società sportive (ogni cinque iscrizioni della stessa società alla prova da 42 chilometri, una è in omaggio). Padova conferma poi la propria attenzione agli atleti disabili, che potranno iscriversi gratuitamente, ma la stessa possibilità sarà offerta anche ai «fedelissimi», a coloro, cioè, che hanno partecipato alle dodici precedenti edizioni della gara.

Ricomincia così il viaggio della Maratona S.Antonio che, nei prossimi mesi, parteciperà con un proprio stand ai più importanti appuntamenti podistici nazionali e internazionali. Dopo Venezia, ci sarà la tappa alla Firenze Marathon del prossimo 27 novembre.

Nella foto (Photosprint) la partenza della scorsa edizione della Maratona S.Antonio

Il maratoneta ha svelato i suoi segreti in un incontro con il Gruppo Podistico di Assindustria: «Corro 200 chilometri a settimana. I miei battiti a riposo? 40»

«La mia preparazione? E’ già proiettata per essere al top a Londra 2012. Prima correrò una maratona in primavera, tra fine febbraio e inizio marzo, probabilmente all’estero. E poi affronterò quella dei Giochi Olimpici, l’avvenimento che ogni atleta aspetta più di qualsiasi altra cosa». Ruggero Pertile era praticamente a casa sua, giovedì sera, allo stadio Colbachini, in zona Arcella a Padova. Davanti a lui, infatti, i «colleghi» del Gruppo Podistico di Assindustria Sport, in un incontro organizzato da Antonio Petterlin, attivissima guida del Gruppo.

Sala piena, al Colbachini, con tutti i presenti interessati ai segreti del miglior maratoneta italiano in attività. C’è chi gli chiede di rivivere la prova offerta ai Mondiali di Daegu: «Ho corso regolare da subito, con l’idea di recuperare quanti sarebbero crollati nel corso della gara». Chi lo interroga sullo stato della disciplina in Italia: «Non è vero che non ci sono giovani in prospettiva. E’ che a loro andrebbero affiancati atleti più esperti, in grado di farli crescere». Chi, ed è un classico, gli domanda qualche dritta sull’alimentazione: «E’ fondamentale bere, non dimenticatelo mai. Bere prima, durante e dopo la gara». E chi gli chiede di svelare alcune sue curiosità personali: «Nel preparare una maratona arrivo a correre 200 chilometri a settimana, ma c’è chi ne fa di più. Il mio rapporto con l’orologio? Ho la fortuna di sapermi regolare perfettamente: se adesso vuoi che vada in pista a correre un giro in 60 secondi, riesco a farlo subito, senza bisogno di guardare il cronometro. I miei battiti cardiaci? In prossimità della maratona arrivo ad averne 40 al minuto, a riposo, in altri periodi mi assesto sui 44. E sono 180 sotto massimo sforzo».

Alla fine, la serata si chiude tra gli applausi generali e chi lo invita a firmare un autografo e a posare per una foto. Con l’«in bocca al lupo» di tutti rivolto a un atleta che, pur essendo arrivato a rappresentare l’Italia ai Giochi Olimpici e ai Mondiali, conserva l’umiltà e la disponibilità del ragazzo «alla mano» che è sempre stato.

Nella foto (di Giancarlo Colombo/Fidal) Ruggero Pertile ai Mondiali di Daegu

Giovedì 6 ottobre alle 21 il Gruppo coordinato da Antonio Petterlin festeggerà il campione di Assindustria in una serata aperta a tutti. Domenica ha intanto chiuso al terzo posto la Deejay Ten a Milano

Ruggero Pertile ha di che essere contento dopo una grande stagione. Proprio l’azzurro di Villanova di Camposampiero giovedì 6 ottobre alle ore 21 sarà l’ospite d’onore dell’incontro organizzato dal Gruppo podistico di Assindustria Sport allo stadio Colbachini, in zona Arcella a Padova.

Pertile, nel 2011 primo europeo sul traguardo della maratona dei campionati del mondo di Daegu, parlerà della sua esperienza di atleta e sarà festeggiato dai «colleghi» del Gruppo, come sempre coordinato dall’infaticabile Antonio Petterlin. La partecipazione alla serata è libera: tutti potranno così approfittare dell’opportunità offerta per soddisfare le proprie curiosità e chiedere consigli a «Rero».

Domenica, intanto, in una delle ultime uscite della stagione,Pertile ha affrontato la Dejay Ten, annuale appuntamento sui 10 chilometri organizzato da Radio Deejay con partenza e arrivo da Corso Sempione, a Milano. Per lui, terzo posto finale in 30'34", alle spalle dei colleghi di maglia azzurra Meucci e Bona.

Nella foto Ruggero Pertile