News

Due to the emergency COVID-19 the Padova Marathon, originally planned for April 19h, has to be postponed

President Leopoldo Destro states: «Necessary decision to protect all participants’ health. We’ll meet after summer to promote a restart of our region»

(Padua 20.03.20) There comes a moment when it’s necessary to stop to be able to restart afterwards with more energy.

That’s the moment. The 21stedition of the Padova Marathon changes date, fully aware that health is the most precious asset and it must be safeguarded. The race is therefore postponed to Sunday, September 20th 2020.

«Run is joy, passion, enthusiasm. Today it cannot be like that.

In the very moment when our Veneto region is experiencing one of the most terrible moments of its recent history, we want to give a significant sign, with a difficult but necessary choice», underlines Leopoldo Destro, President of Assindustria Sport, the event’s organizer.

«We have tried to hold on, by hoping that the emergency could be overcome in short term.

But once we have realized then that this was no longer possible, we have immediately begun to work on a new date, in contact and in accordance with the local authorities of the towns involved by the race course (Padova, Rubano, Selvazzano Dentro, Teolo, Abano Terme and Montegrotto Terme, this latter one for the half marathon), and with the Padua Municipality, Veneto region and FIDAL (Italian Athletics Federation).

New date identified on September 20th, 2020.

Never indeed, we have meant to cancel the race and this because we firmly believe that the sport can have an essential role for a restart».

«It will be Padua’s rebirth, as well as the rebirth of our amazing surrounding territory.

A hurt territory, that wants to stand up againyet, also thanks to the marathon.

That’s why we won’t change anything of the recipe which has enabled Padova Marathon’s growth throughout these years:

We will confirm the 42k full race, the 21k half marathon as well as the Family Races that find their heart in Prato della Valle.

Also we confirm right away our desire to engage many non-profit organizations that have decided to combine the sport competition with a solidarity challenge.

At the same time we confirm our aim of feeding the agonistic event with a full program of initiatives of art, history, music and environment purposes.

Because Padova Marathon is all this, an occasion to relaunch a tourism that at present has suffered a pretty big hit».

«We are well aware that a decision like takes to inevitable inconveniences for all runners, especially for those already registered, whose participation will be automatically moved to the 20th September.

We trust that everybody will understand the reasons that have led us in a such difficult moment like this. We promise to everyone a bigger engagement in order to spread that joy, that today has had to beunfortunately blocked.

The motto of the 21st edition of PDM is “All runners are winners”: a statement that we still want to support as never before, in order to promote the new date.

Because with the realization of the Padova Marathon 2020 we all want to be winners, everyone in his own way.

Together we’ll restart stronger. Ready to meet again with a huge hug and a big smile in Prato della Valle on Sunday September 20th 2020».

There are a thousand reasons to run. And as many..and 10 more to choose to run in Padova.

So we are not going to tell youhow much the run is enjoyable and healthy –you already know this! We’d rather explain you why the Padova Marathon can give you something more that you cannot find somewhere else.

  • THE ARTISTIC BEAUTIES: Padova is also known as the city of the “3 whithout”:
  • THE NATURAL BEAUTIES: Especially at the beginning, the race course extends through the towns of Rubano, Selvazzano Dentro, Teolo, Abano and Montegrotto, close to the Euganean Hills and deep in the thermal area, and it offers suggestive views for nature lovers.
  • A FAST RACE: a fascinating route is such a big deal but Padova Marathon is not just about this. And the runners, who have already participated in it, can testify that it is also a technically fast race, the perfect combination to improve one’s own running time.Both in the full marathon and in the half marathon starting from Abano, as shown by the race records dating the past edition.
  • THE HALF MARATHON: mentioned above, the half race was invented for those who want to participate in the event, yet not ready to run 42 km. Throughout the years the half marathon has become more and more popular; on the same day of the full marathon, it’s an additional and alternative option for the runners.
  • THE FAMILY RACES: and for those coming with you? They can for example join our 1 – 5 – 10 k non-competitive races, that every year count at least 20.000 participants. A real celebration for the city, that colors and lights up the streets and that brings all in touch with the Padova historic center and along the well-equipped river banks all around the city.

the Saint without name, the Café without doors and the Prato (Garden) without grass– referred to Prato della Valle.

The Padova Marathon involves the 3 of them, i.e. the Basilica of Saint Anthony, the Caffé Pedrocchi and, last but not least, the amazing scenery of Prato della Valle – the second largest squares in Europe, after the Red Square in Moscow – which welcomes the runners at the finish line.

Riparte la collaborazione rivolta ai podisti: giovedì 2 febbraio appuntamento alla Stazione ferroviaria per informazioni e iscrizioni. L’evento di domenica 23 aprile sarà presente con il proprio igloo alla “CxP” per le prossime 10 settimane, sino al 6 aprile

 

Ci sarà anche la Padova Marathon. Da giovedì 2 febbraio a giovedì 6 aprile, per dieci settimane, l’igloo di Padova Marathon sarà presente alla “Corri Per Padova” per informazioni e iscrizioni all’evento in programma domenica 23 aprile.

Chi si iscriverà alla gara in una delle prossime tappe riceverà in omaggio un simpatico gadget sportivo, oltre a poter usufruire dell’offerta riservata in esclusiva ai tesserati della “CxP”, che potranno partecipare alla prova da 42 chilometri o alla mezza maratona versando la quota base.

Due eventi, “Corri per Padova” e Padova Marathon, per forza di cose strettamente collegati: l’una può infatti essere vista come la preparazione dell’altra. E da giovedì questo legame si rafforzerà ulteriormente. Il prossimo appuntamento della “CxP”, l’allenamento podistico itinerante di running e walking collettivo che richiama gli appassionati di podismo del territorio, avrà come punto di partenza la Stazione ferroviaria, in piazzale della Stazione, alle 20.30.

 

Nella foto i podisti della “Corri per Padova” in una precedente tappa

Maratone del gusto, dello shopping, dell'arte, della musica e tanto altro per fare della manifestazione un'occasione per presentare al meglio Padova ed il territorio

 

La corsa, quella di 42 chilometri che adesso è Padova Marathon e che quest'anno, con i suoi 18 anni, diventa a tutti gli effetti maggiorenne, è in programma il prossimo 23 aprile. Ma un'altra corsa, quella dell'organizzazione allargata al "Sistema Padova", è partita già adesso con l'incontro ospitato in Camera di Commercio da Padova Promex e coordinato da Assindustria Sport che della manifestazione è il motore propulsivo.

All'incontro, con il presidente di Assindustria Sport, Leopoldo Destro e con il direttore di Padova Promex, Franco Conzato, sono intervenuti i rappresentanti di Appe, Ascom, Cia, Dmo, Interporto, Politecnico Calzaturiero, Upa e Radiotaxi, ma della cordata faranno parte anche Orchestra di Padova e del Veneto, Coldiretti, Confesercenti e Confagricoltura.

Nuovo look, grande promozione, gemellaggi, tra gli altri, con Valencia, Dublino e Shanghai, Padova Marathon vuole essere anche una grande vetrina per una Padova che, come recita il fortunato slogan che sta accompagnando l'azione di Padova Promex, ovvero Looking Aehad and Beyond, guarda avanti e oltre.

Ma per guardare avanti e oltre deve sfruttare l'occasione di presentarsi al mondo in quella che il presidente Destro ha definito "la manifestazione della città di Padova".

Ecco allora che assieme alla Maratona vera e propria, saranno tante altre le "maratone" che verranno proposte ai partecipanti, ai loro accompagnatori ed, in ultima analisi, anche ai padovani che nella Maratona di Padova trovano un'occasione per riscoprire la città ed il territorio.

Tra le proposte discusse al tavolo troviamo dalla Maratona della Musica a quella dell'Arte (con la collaborazione delle guide turistiche), fino al "piatto forte" (in tutti i sensi) della Maratona del Gusto che vedrà il coinvolgimento di ristoranti, pasticcerie e gelaterie.

E poi la Shopping Marathon, un weekend di sconti negli esercizi commerciali che, come ha avuto modo di sottolineare il presidente dell'Ascom, Patrizio Bertin, potrebbe essere la versione primaverile del Black Friday. Ci sarà il contributo del mondo agricolo, le offerte turistiche di Padova Terme Euganee Convention and Visitors Bureau, fino ai taxi che, attraverso i loro display, fungeranno da ambasciatori della Padova Marathon.

Curioso, ma assolutamente vero, ciò che ha detto Paolo Pandolfo, dell'Interporto: "Ogni volta che si apre una bottiglietta d'acqua alla Padova Marathon, questa è passata dall'Interporto di Padova". Infine il Politecnico Calzaturiero proporrà la progettazione su misura della scarpa tecnica.

"La nostra corsa - ha ​concluso Franco Conzato - credo sia partita col piede giusto. Dopo le festività ci ritroveremo e, a quel punto, apriremo la fase operativa. E come in tutte le maratone che si rispettano, non dovremo prestare attenzione alla fatica ma solo a raggiungere il traguardo".

 

 

Nuovo look per la 18^ edizione dell’evento, in programma domenica 23 aprile 2017: rinnovati logo e nome. Aperte ufficialmente le iscrizioni. Leopoldo Destro, presidente di Assindustria Sport: «Sarà una gara ancora più internazionale». Al via un tour all’estero che promuoverà la corsa e il territorio che le fa da sfondo attraverso una serie di gemellaggi: prime tappe Valencia, Dublino e Shanghai

 

Si chiamerà “Padova Marathon”. E avrà un nuovo logo, colorato, accattivante e studiato per colpire l’attenzione. Dopo gli ottimi risultati – sia sul piano tecnico sia su quello della partecipazione e del coinvolgimento popolare – raccolti dal tracciato inaugurato nel 2016, la Maratona di Padova continua nel suo percorso di rinnovamento. E ora scatta il conto alla rovescia in vista dell’edizione 2017, in programma domenica 23 aprile, per la quale Assindustria Sport ha studiato un’importante operazione di restyling e un tour promozionale per promuovere Padova e il suo territorio all’estero.

«Quando abbiamo deciso di spostare la manifestazione in un’area della provincia mai toccata prima, coinvolgendo l’area termale, abbiamo voluto conferire all’evento una dimensione ancora più internazionale e più attenta al turismo sportivo» sottolinea il presidente di Assindustria Sport Leopoldo Destro, affiancato nella conferenza stampa che si è svolta a Palazzo Moroni da Cinzia Rampazzo, assessore allo sport del Comune di Padova, Sabrina Doni, sindaco di Rubano, Gianpaolo Zulian, dirigente del comune di Abano Terme, Franco Conzato, direttore di Padova Promex, e Ruggero Pertile, capitano di Assindustria Sport e vincitore dell’edizione 2016 dell’evento. «Proprio in quest’ottica, proseguiamo nell’operazione di rinnovamento con un nome e un logo in grado di fare presa ancora più facilmente fuori dal nostro Paese. Abbiamo così elaborato un piano di collaborazione con alcuni dei più grandi eventi di running in Italia e all’estero stringendo diversi gemellaggi. Già nel week end alle porte saremo a Valencia e a Venezia, inaugurando un viaggio che la settimana successiva ci porterà a Shanghai e a Dublino, e che proseguirà sino a marzo 2017. Gli eventi che ci ospiteranno saranno poi presenti con il proprio stand al nostro Expo in Prato della Valle, creando una rete che crescerà ulteriormente nelle prossime stagioni».

Confermato il percorso introdotto nel 2016 e certificato Aims-Iaaf (Association of International Marathons and Distance Races), che tanto entusiasmo ha raccolto al debutto. La prova principale, da 42 chilometri, scatterà dallo Stadio Euganeo di Padova, si snoderà verso la zona dei Colli Euganei attraverso Rubano, Selvazzano Dentro, Teolo e Abano Terme (che sarà anche il punto di partenza della Mezza maratona), per rientrare nel centro storico di Padova lungo via Vescovado e Piazza Duomo, mantenendo il proprio traguardo nello straordinario scenario offerto da Prato della Valle.

 

«Con l’occasione» aggiunge Destro, «lanciamo anche la campagna iscrizioni per la XVIII edizione, per la quale abbiamo deciso di confermare le quote della scorsa stagione, presentando diverse promozioni. Sono infatti previste quote agevolate per la partecipazione femminile e per i gruppi numerosi, sia nella maratona che nella mezza. Conserveremo inoltre alcuni degli ingredienti che in questi anni hanno permesso al nostro evento di affermarsi come uno degli appuntamenti più importanti del calendario podistico internazionale, a partire dalla Mezza maratona, passando per le Stracittadine che hanno il proprio fulcro in Prato della Valle, per la partecipazione degli atleti delle categorie paralimpiche e per il coinvolgimento delle charity».

Con la partecipazione agli expo della Venice Marathon e della mezza maratona di Valencia, a cui la Padova Marathon sarà presente con un proprio stand il 21 e il 22 ottobre per informazioni e iscrizioni, scatta il tour internazionale che porterà all’evento di domenica 23 aprile 2017. Nel week end successivo Padova volerà a Shanghai (maratona in calendario domenica 30, presenza in Cina da giovedì 27 ottobre) e a Dublino (gara il 30, presenza da venerdì 28 ottobre). Tre gli impegni di novembre, a Verona (gara il 20), Valencia (maratona il 20) e Firenze (il 27). A dicembre, la Padova Marathon sarà a Reggio Emilia (gara l’11), a gennaio si ripartirà dalla Spagna, con la Gran Canaria Marathon, in contemporanea con la partecipazione alla Montefortiana. A marzo, poi, toccherà alla Treviso Marathon, ultima tappa prima dell’appuntamento padovano.

 

Nella foto i partecipanti alla conferenza stampa di Palazzo Moroni

Il Commissario prefettizio Pasquale Aversa conferma l’impegno dell’Amministrazione comunale per il 2017

 

Nella mattinata del 29 settembre 2016 si è tenuto presso il Municipio di Abano Terme un incontro tra i responsabili di Assindustria Sport e il Commissario Straordinario Pasquale Aversa per la programmazione della XXVIII edizione della Maratona di Padova.

L’evento, programmato per domenica 23 aprile 2017, sarà patrocinato anche dal Comune di Abano Terme che collaborerà con gli organizzatori alla buona riuscita della manifestazione.

Il percorso felicemente inaugurato nell’edizione 2016, verrà confermato e pertanto Abano Terme ospiterà la partenza della mezza maratona che si snoderà per circa dieci chilometri sul territorio aponense (Monteortone, Zona pedonale del Centro, il Viale delle Terme, Duomo di S. Lorenzo e Giarre).e avrà la sua tradizionale conclusione in Prato della Valle.

Il Commissario Aversa ha confermato agli organizzatori il sostegno e la collaborazione fattiva dell’Amministrazione Comunale all’evento che è inserito nella programmazione comunale per il 2017.

 

Nella foto la partenza della mezza maratona 2016

 

Sabato e domenica la società gialloblù aspetta tutti al suo “igloo” in Piazza Cavour, a Padova, per presentare i suoi corsi di atletica nell’evento promosso da Assessorato al Commercio e Assessorato allo Sport. E nello stesso week end riparte il tour promozionale della Maratona di Padova: all’expo della Maratonina internazionale di Udine ci si potrà iscrivere all’evento del 23 aprile 2017

 

Assindustria Sport Padova corre con lo shopping! Sabato 17 e domenica 18 settembre la società gialloblù sarà presente a “Corri per lo Shopping - Un weekend di sport” con il suo “igloo” in Piazza Cavour.

L’evento, giunto alla seconda edizione, e promosso dall’Assessorato al Commercio in collaborazione con l’Assessorato allo Sport, prenderà vita tra le strade e piazze del centro storico di Padova. Obiettivo: animare il centro cittadino con attività ludico–ricreative sul tema dello sport, contestualmente all’apertura dei negozi. Quale occasione migliore per scoprire tutte le novità sui corsi di atletica in partenza lunedì 19 settembre allo Stadio Colbachini?

In particolare, domenica dalle ore 10 alle 14 e dalle 16 alle 19 i tecnici della società daranno a tutti i bambini e ragazzi la possibilità di essere atleti per un giorno, e magari di appassionarsi allo sport “completo” per definizione. Quello ideale per la preparazione fisica di un bambino e di un adolescente. Un’attività individuale, ma in cui è fondamentale lo spirito di squadra, praticata all’aria aperta e in grado di educare i giovani a condurre una vita sana.

Ma non è finita qui con gli appuntamenti legati ad Assindustria Sport. Sempre sabato e domenica, lo staff della Maratona di Padova sarà infatti presente alla Maratonina internazionale “Città di Udine”, per informazioni e iscrizioni all’evento in programma domenica 23 aprile 2017, quando saranno riproposti i due percorsi che tanto entusiasmo hanno ricevuto nella prima edizione: la prova principale partirà dallo Stadio Euganeo e, dopo aver attraversato Rubano, Selvazzano, Teolo e Abano Terme tornerà a Padova in Prato della Valle, la Mezza maratona scatterà proprio da Abano Terme. La corsa della Maratona di Padova riparte di slancio!

 

Nella foto la locandina dei corsi di atletica di Assindustria Sport

Pertile 38° nella maratona dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro in 2 ore 17'30". Il campione azzurro di Assindustria Sport: «Ogni gara ha la sua storia, a 42 anni sono felice di averci provato». Destro e Canella: «Orgogliosi di lui»

 

Fine dei Giochi sotto la pioggia per l’atletica leggera: l’ultimo titolo in palio alle Olimpiadi di Rio, quello della maratona maschile, va al superfavorito keniano Eliud Kipchoge che domina la gara in 2 ore 08’44”. Il migliore degli azzurri in gara è ancora una volta il veterano Ruggero Pertile (42 anni e 31 maratone in carriera) che si piazza 38° in 2 ore 17’30”. 57° il grossetano Stefano La Rosa (2 ore 18’57”), mentre il campione europeo di maratona Daniele Meucci è stato costretto al ritiro per un problema fisico poco dopo il decimo chilometro.

«Per me la preparazione è stata difficile, ma ho stretto i denti fino alla fine» il commento del campione azzurro di Assindustria Sport Padova al traguardo. «Negli ultimi giorni avevo trovato un po’ di brillantezza, qui ho cercato di stare il più possibile nella gara, e al ventesimo chilometro ero ancora dietro al primo gruppo, poi la corsa è stata veloce e difficile da interpretare. Ogni maratona ha la sua storia, bisogna essere al massimo per giocarsela, però a 42 anni sono comunque felice di averci provato».

A tifare per il maratoneta di Villanova di Camposampiero c'era anche Leopoldo Destro, presidente di Assindustria Sport: «Ruggero merita soltanto applausi. Ha partecipato a tre edizioni dei Giochi Olimpici in una specialità difficile come la maratona e già questo fa capire quale sia il suo valore. Ruggero è un grande atleta e una grande persona e resterà sempre uno splendido esempio per gli atleti della nostra squadra, che in lui trovano uno straordinario modello e un punto di riferimento».

Parole che sottoscrive Francesco Canella, presidente di Alì Supermercati, che da sempre sostiene “Rero”. «Ruggero non avrà raggiunto l’obiettivo che si era prefissato, ma per noi resta il grande campione di casa Alì, che ci ha insegnato a tenere duro e a stringere i denti nelle difficoltà. La sua è una grande lezione di sport e di vita. Siamo qui ad attendere il suo rientro per accoglierlo e sostenerlo con l’affetto e l’entusiasmo di sempre, e comunque orgogliosi per questa terza Olimpiade. Sapere di aver contribuito a far sì che Ruggero, unico atleta non appartenente a una squadra sportiva militare, potesse seguire il suo sogno e misurarsi con questa ennesima sfida, per noi è una vittoria. Ti aspettiamo a braccia aperte!».

 

Nella foto (Fidal Colombo/Fidal) Ruggero Pertile a Rio de Janeiro

 

Domenica 14 agosto Pertile partirà per Rio de Janeiro: sarà la sua terza partecipazione ai Giochi Olimpici: «La condizione è la stessa di Londra 2012, l’obiettivo essere fra i primi 10 al mondo». Il presidente di Assindustria Sport Leopoldo Destro: «E’ un esempio per i più giovani e per chiunque ami lo sport». Il presidente di Alì Supermercati Francesco Canella: «Facciamo il tifo per lui, comunque vada sarà sempre il nostro campione». Online una video-intervista in cui l’azzurro racconta le sue emozioni alla vigilia della maratona che chiuderà la rassegna il 21 agosto

 

Come si dice “in bocca al lupo” in Brasile? “Boa sorte”. E allora “boa sorte, Rero!”. Il campione azzurro di Assindustria Sport è pronto a involarsi per i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, quella che sarà la sua terza avventura a cinque cerchi dopo Pechino 2008 e Londra 2012. Ruggero Pertile, che lunedì 8 agosto ha compiuto 42 anni («Ma non ho festeggiato più di tanto, perché il mattino dopo dovevo alzarmi alle 6 per un allenamento pesante, un “doppio medio” abbastanza impegnativo…»), lascerà Padova domenica 14 agosto. Una settimana dopo, domenica 21, alle 9.30 (le 14.30 italiane) sarà al via della maratona assieme ai compagni di maglia azzurra Stefano La Rosa e Daniele Meucci.

«Se mi guardo alle spalle il primo pensiero che mi viene in mente è quello di aver avuto una buona carriera: sono in pochi, in una specialità difficile come la maratona, a poter dire di aver partecipato a tre edizioni dei Giochi. Rispetto alle mie precedenti esperienze posso dire che, anche se ho qualche anno in più, mi presento in gara in condizioni migliori. Fisicamente sto meglio di quando ho corso a Pechino, le sensazioni della vigilia sono simili a quelle di Londra, ma ho, in un certo senso, più confidenza con questo tipo di gare» racconta Pertile che, all’ultima maratona internazionale, ai Mondiali 2015, colse uno strepitoso quarto posto. «Alle spalle ho due fruttuosi stage in altura assieme ai compagni di nazionale, prima al Sestriere e poi a Saint Moritz. Per la verità mi porto dietro anche qualche noia al tendine e dietro al ginocchio, ma… tengo botta! Credo che a Rio potrò dire la mia, l’obiettivo è quello di classificarmi fra i primi dieci, magari migliorando il decimo posto di Londra. So bene che non sarà facile».

E non sarà facile nemmeno immaginarsi che gara sarà. «Abbiamo da compiere tre giri di circa una dozzina di chilometri, prima del tratto finale con l’arrivo nel Sambodromo, che è anche il punto di partenza. Dovrebbe essere un percorso pianeggiante, anche se mi dicono che non lo sia completamente. Sicuramente nella settimana che precederà l’appuntamento faremo un sopralluogo approfondito. Il clima sarà una variabile importante e ancor di più lo sarà la tattica di corsa degli specialisti africani: al via ci saranno i migliori atleti al mondo (nelle file keniane il numero uno è Eliud Kipchoge, che con Stanley Biwott e Wesley Korir forma un trio di rara solidità, ndr). Ancora non abbiamo deciso che tattica adotteremo noi italiani: penso che con La Rosa ci daremo una mano e che Meucci possa impostare una gara diversa. Ma ne discuteremo con il Dt Magnani in Brasile, anche alla luce delle indicazioni che potrà fornirci la prova femminile che vedrà impegnate Catherine Bertone, Anna Incerti e Valeria Straneo».

Saranno in tanti a tifare per lui. Chiara, sua moglie, e Alice, sua figlia, stavolta però rimarranno a casa. «C’era qualche timore con la zanzara Zika e abbiamo preferito non correre rischi. So però che Chiara radunerà diversi amici davanti alla tivù per una visione di gruppo. La mia gara come da tradizione sarà l’ultima per quanto riguarda l’atletica leggera, ma se avrò tempo ed energie, e se recupererò il biglietto, mi piacerebbe trascorrere le restanti ore in Brasile guardando le partite di chi sarà ancora in gioco: proverò ad assistere alle finali di pallamano. Rientreremo in Italia il 23 agosto e subito partirò per le vacanze, in Sardegna. Festeggerò lì il compleanno».

A incitarlo anche Leopoldo Destro: «Siamo orgogliosi di essere rappresentati a Rio da un atleta come Ruggero» afferma il presidente di Assindustria Sport Padova. «Con il suo percorso e la partecipazione a Olimpiadi, Mondiali ed Europei, è la dimostrazione che con l’impegno, la passione e la tenacia si possono tagliare i più importanti traguardi. Negli anni Ruggero si è affermato a livello internazionale, diventando un punto di riferimento in azzurro oltre che uno splendido esempio per gli atleti della nostra squadra, che in lui trovano uno straordinario modello. Ruggero si merita il più sincero in bocca al lupo da parte di tutti noi!».

A dare una spinta virtuale alla corsa di Pertile saranno anche Francesco Canella e la grande famiglia di Alì Supermercati: «Questa è stata una stagione importante per Ruggero e il fatto di essere arrivato alla terza maratona olimpica è già un grandissimo traguardo. Noi gli auguriamo di cuore di coronare l’obiettivo di concludere entro i primi 10 e doppiare il successo di Londra, ma devo dire che, comunque vada, per noi è e resta il nostro campione. Forza Rero, facciamo il tifo per te!».

E proprio gli amici di Alì Supermercati hanno confezionato una video-intervista al maratoneta di Villanova di Camposampiero, che sarà diffusa online nei prossimi giorni nei canali social. A questo link è possibile scaricarla in anteprima: https://share.rhx.it/index.php/s/4X7ixJHcaBvGmVp

 

Grande mattinata in chiave azzurra nella mezza maratona di Amsterdam, prezioso l’apporto del capitano di Assindustria Sport Padova

Poker di medaglie italiane nella mattinata dedicata alla mezza maratona (km 21,097). Veronica Inglese è argento, seconda in 1h10:35 (primato personale) alle spalle della portoghese Moreira (1h10:19); la squadra (Incerti 14esima 1h12:51; Console 19esima, 1h13:12) sale sul secondo gradino del podio alle spalle del Portogallo e davanti alla Turchia.

In campo maschile, Daniele Meucci è bronzo (1h02:38), dietro lo svizzero Tadesse (1h02:03) e al turco Ozbilen (1h02:27). La squadra uomini è terza, a sua volta medaglia di bronzo (oro alla Svizzera, argento alla Spagna) grazie ai piazzamenti di Stefano La Rosa (1h04:15) e Ruggero Pertile (29esimo, 1h05:48: nella foto Colombo/Fidal i due atleti). Xavier Chevrier (38esimo, 1h06:31), e Daniele D’Onofrio (65esimo, 1h08:41), completano lo score tricolore.